Che cosa è l'Ortodonzia?

L’Ortodonzia è una branca dell’Odontoiatria che studia le anomalie del posizionamento dentale e delle ossa mascellari. La pratica consiste nell’applicazione di apparecchi che consentano di riallineare i denti e, di conseguenza, ristabilire la corretta posizione dento-facciale.

Le principali cause del malposizionamento dentale sono:

  • Presenza di Arcata Stretta/piccola
  • Respirazione Orale
  • Perdita precoce di un Elemento Dentale
  • Cause Genetiche

L’impegno di Dental Smile è quello di utilizzare tecniche e tecnologie innovative studiate su misura per il Paziente anche in base all’età  e alle sue esigenze.

Quando si ricorre all'Ortodonzia

I Motivi per i quali tante persone ricorrono all’Ortodonzia sono molteplici ma, solitamente, la motivazione principale del Paziente è legata al disagio psicologico causato dagli inestetismi e dalle difficoltà riscontrate durante la masticazione.

Sarebbe opportuno ricorrere all’Ortodonzia quando ti trovi in presenza di uno 
(o più) sintomi, tra quelli di seguito elencati:

  • Perdita della sicurezza in te stesso
  • Perdita dell’Autostima
  • Malposizionamento Dentale

Contattaci per un Check-Up Gratuito...

... e presto potrai avere il Sorriso che hai sempre desiderato!

FAQ

La decisione di intervenire su soggetti in crescita, talvolta su bambini molto piccoli, addirittura prima che siano cresciuti i primi molari permanenti, dipende dalla diagnosi (cioè dai problemi che quel bambino presenta). L’intervento precoce in certi casi previene l’instaurarsi di un quadro che più avanti sarà difficilissimo da risolvere. Un adeguato recupero funzionale, una buona contenzione, seguire con scrupolo le indicazioni e il piano dei controlli previsti previene le recidive. Talvolta la crescita potrebbe essere sfavorevole; sarete sempre informati su questi rischi che non sono mai a zero. Nella norma, se effettuato quando indicato, l’intervento sui bambini in crescita previene o limita la portata di un intervento sui ragazzi.

I benefici principali di un trattamento ortodontico sono: il corretto recupero dell’occlusione funzionale, il miglioramento dell’estetica del viso e del sorriso. C’è anche da considerare la facilità con cui i denti ben allineati possono essere puliti, con evidente vantaggio nella prevenzione di carie e della malattia paradontale (piorrea).

La durata è variabile,in quanto dipende dal problema da trattare. Un trattamento ortodontico può durare da pochi mesi a 3 anni nell’adulto. Nel bambino in crescita, invece, a causa del continuo sviluppo della dentatura, si usa alternare brevi periodi di trattamento ad altri lunghi di attesa; ad esempio può essere necessario un trattamento in due tempi, uno in dentizione decidua e l’altro in dentizione mista/definitiva.

Si può avvertire solo qualche fastidio i giorni successivi all’applicazione dell’apparecchio o alla sua attivazione. Si tratta di piccole irritazioni della mucosa che va a sfregare contro alcune parti dell’apparecchio o fastidi dentali spontanei o durante la masticazione. Nel giro di pochi giorni i fastidi vanno ad attenuarsi, fino a scomparire: i recettori parodontali, che si attivano a causa delle pressioni esercitate dall’apparecchio, nel giro di breve tempo vanno incontro ad adattamento.

L’apparecchio ortodontico, in particolare quello fisso, facilita il ristagno di cibo, rende più difficile l’abituale igiene domiciliare, ma in sè non causa carie. Seguendo scrupolosamente, nel corso del trattamento, le istruzioni per l’igiene date dall’ortodontista e dall’igienista, non c’è alcun pericolo né di carie né d’infiammazioni gengivali. Talvolta in presenza di bambini o adolescenti poco collaboranti sull’igiene si preferisce differire di qualche mese la cura ortodontica sino a quando, con lezioni di insegnamento, non si sia raggiunta una rassicurante igiene domiciliare.

No, la situazione non si risolverá da sola ed anzi negli anni tenderà a peggiorare. Ad esempio nella maggior parte delle persone, dopo che spuntano i molari permanenti, lo spazio a disposizione nella zona dei denti anteriori si riduce creando affollamenti variabili per entità indipendentemente dalla presenza di una mal occlusione.