Che cosa è l'Igiene Orale?

L’Igiene Orale Professionale consiste nel sottoporsi a trattamenti specifici eseguiti da Professionisti Certificati i quali, grazie all’utilizzo di specifici strumenti odontoiatrici, rimuovono la Placca batterica e il Tartaro, due delle principali cause delle più diffuse infezioni e patologie dentali.

Le principali cause di accumulo della Placca e del Tartaro sono:

  • Errato spazzolamento
  • Affollamento Dentale
  • Uso insufficiente del Filo Interdentale

L’impegno di Dental Smile è quello di garantirti sedute di Igiene Orale effettuate da Professionisti Specializzati  e utilizzo di tecnologie  e strumenti all’avanguardia.

Quando si ricorre all'Igiene Orale da un Professionista

L’igiene orale che ognuno di noi svolge a casa propria non basta per eliminare tutta la Placca e il Tartaro che si accumulano sulle gengive e nei lati più nascosti dei denti. 

Sarebbe opportuno ricorrere alla Igiene Orale Professionale quando ti trovi in presenza di uno (o più) sintomi, tra quelli di seguito elencati:

  • Macchie sui denti
  • Alitosi
  • Infiammazione gengivale
  • Mal di Denti
  • Ascessi

Contattaci per un Check-Up Gratuito...

... e presto potrai avere il Sorriso che hai sempre desiderato!

FAQ

I denti vanno spazzolati con l’ausilio di un dentifricio fluorato, almeno tre volte al giorno. Preferibilmente al mattino dopo colazione e la sera prima di coricarsi. Lo spazzolamento va eseguito con piccoli movimenti rotatori tenendo le setole dello spazzolino inclinate di circa 45° rispetto l’asse del dente in modo da indirizzarle nel solco gengivale ( tecnica di Bass ).
Fondamentale l’uso, almeno una volta al giorno, del filo interdentale e nel caso di ponti o apparecchi ortodontici, dello scovolino, per raggiungere quelle aree dove lo spazzolino non può arrivare. L’uso di colluttori medicati ( clorexidina o altro ) va limitato a casi particolari su indicazione dell’odontoiatra o dell’igienista dentale. Oggi può essere consigliabile il ricorso ad uno spazzolino elettrico che dagli ultimi studi rimuove quasi il 100% di placca in più rispetto allo spazzolino tradizionale.

Certamente problemi dentali quali carie, infiltrazioni cariose in vecchie protesi fisse non più idonee, affollamenti dentari, tasche parodontali, depositi di tartaro, placca, sono tutte cause di ristagno di batteri e residui alimentari la cui fermentazione è sicuramente causa di alitosi.

La sensibilità dentale può manifestarsi come un dolore breve ma acuto, segno che i denti sono vulnerabili e necessitano di un trattamento particolare. Tale condizione è causata dalla graduale esposizione della parte più morbida del dente sottostante lo smalto, nota come “dentina”. Quando la dentina esposta entra in contatto con stimoli esterni quali caldo, freddo, dolce, amaro o persino con il semplice spazzolino, il nervo all’interno del dente può dare origine a un dolore rapido ma inteso.

  • La recessione gengivale: quando si ritirano, le gengive espongono le radici dei denti, rendendo probabile l’insorgere di sensibilità. La recessione gengivale è spesso riconducibile ad una tecnica di spazzolamento eccessivamente vigorosa o a malattia gengivale.
  • L’erosione da acidi: gli acidi contenuti in alcuni cibi o bevande agiscono sulla superficie del dente, indebolendo lo smalto e dando origine alla progressiva usura della superficie dei denti.
  • Bere bevande acide (bibite gassate, spremute, vino) senza far permanere troppo a lungo il liquido all’interno della bocca
  • Evitare di masticare troppo a lungo i cibi acidi, soprattutto in caso di frutta.
  • Sciacquare la bocca con acqua dopo il pasto
  • Evitare di spazzolarsi i denti subito dopo aver assunto bevande gassate o cibi acidi (aspettare circa un’ora)
  • Usare uno spazzolino morbido e una tecnica adeguata, non aggressiva
  • Lavarsi i denti tutti i giorni con un dentifricio al fluoro e poco abrasivo
  • Pianificare visite di controllo regolari con il dentista e/o l’igienista dentale